Triumph Spitfire MKIV

    • Anno di produzione: 1973
    • Cilindrata: 1296 c.c.
    • Potenza: 65 cv
    • Giri al minuto: 5500
    • Posti omologati: n° 2
    • Servizio: noleggio libero senza conducente di Triumph Spitfire MKIV

    All’inizio degli anni sessanta alla Triumph avevano in mente di produrre un nuovo modello in grado di arginare il crescente successo delle Austin-Healey Sprite e della MG Midget. Non ci furono dubbi sulla motorizzazione e il telaio (rigorosamente separato dalla carrozzeria), entrambi derivati da quelli della piccola Herald, ma la linea stava creando parecchi grattacapi.

    Il centro stile della Casa Inglese non riusciva a definire un’autovettura stilisticamente accettabile. Dopo il successo della Herald disegnata quasi per caso e in un batter d’occhio da Giovanni Michelotti, alla Triumph decisero di rivolgersi ancora allo stilista torinese per definire la nuova spider.

    Nel 1970 venne presentata la Mk IV. I cambiamenti furono notevoli: la coda venne completamente ridisegnata (da Michelotti) e resa più squadrata, i parafanghi anteriori (ora privi di creste cromate) divennero più larghi, mentre la mascherina (in plastica nera) incorporava un piccolo spoiler. Anche il cofano (privo della precedente nervatura centrale), le cornici dei fari anteriori (in tinta anziché cromate), le maniglie porta (incassate) e le cornici dei finestrini (ora nere opache) furono oggetto di modifiche. All’interno cambiarono la strumentazione (ora divisa in due parti, una davanti al guidatore, l’altra centrale), i sedili ed il volante. Il propulsore, sempre di 1296 cm³ venne depotenziato a 63 cv, in un’ottica di razionalizzazione della produzione, che prevedeva l’unificazione di molti componenti con le versioni destinate al mercato nordamericano, dove le normative antinquinamento erano più restrittive rispetto a quello europeo.

    Va comunque segnalato che a partire dai modelli mk IV, la potenza è stata rilevata secondo le normative DIN, più restrittive delle precedenti. La differenza di potenza tra i propulsori della mk III e della mk IV, seppur significativa, non è così evidente come la mera aritmetica potrebbe far intendere.

    Piuttosto, la perdita di prestazioni è da imputare dall’incremento ponderale tra le due versioni.

    A conferma di ciò è sufficiente constatare che le spitfire 1500 (71 cv DIN) sono più veloci delle mk III (75 cv secondo la vecchia normativa inglese più elastica).

    Vennero inoltre introdotte altre novità riguardanti la sospensione posteriore, modificata, con l’adozione di un perno centrale Swing Spring, per migliorare il comportamento stradale e limitare l’escursione del camber alle ruote posteriori.

  • Listino prezzi – Valori espressi in Euro IVA inclusa

    1 giorno euro 250,00
    2 giorno euro 360,00
    3 giorno euro 460,00
    giorno aggiuntivo euro   90,00
    1 settimana euro 820,00

     

    Servizi inclusi:
    • noleggio libero senza conducente del veicolo
    • assistenza meccanica
    • copertura assicurativa RC, furto ed incendio
    • noleggio 1 giorno – consegna dalle 09:00 e rientro entro le 19:00 presso la sede di appartenenza; (penale di euro 30,00 per ogni mezz’ora di ritardo)
    • noleggio 2 o più giorni: consegna dalle ore 09:00 del primo giorno e rientro entro le 19:00 dell’ultimo giorno presso la sede di appartenenza; (penale di euro 30,00 per ogni mezz’ora di ritardo)
    • 250 km al giorno percorribili (km in eccesso € 1,00 a km)
    • mappe e tour suggeriti della zona
    • IVA 22%

    Servizi non inclusi: 
    • assicurazione kasko disponibile con extra costo di € 40.00 per 1 giorno; € 70.00 per 2 giorni, € 90.00 per 3 giorni, ecc; franchigia 10% del danno. Minimo scoperto € 200.00
    • consumo di benzina; pieno su pieno, penale € 10.00 oltre al consumo di benzina
    • pedaggi, parcheggi ed eventuali multe
    • consegna e ritiro fuori sede: € 1.00 al km (andata e ritorno) più Iva
    • eventuale servizio autista € 120,00 (possibile solo con auto 4 posti)
    Requisiti di guida:
    • almeno 23 anni compiuti
    • 5 anni di patente
    deposito cauzionale obbligatorio di 3.000€ (tremila €) con assegno circolare, carta di credito (Visa e MasterCard), bancomat

I commenti sono chiusi.